La rivincita delle macchine

Questa mattina ero in auto e non so perche’ mi e’ tornata alla mente la mia breve esperienza di gioco su Yahoo Chess.
Un paio di anni fa ci ho fatto qualche partita, alcune divertenti, molte invece delle perdite di tempo con dei ragazzini in tempesta ormonale (ergo, piu’ stupidi del solito). Capitava gente che per vincere automaticamente settava bassissimo il timout delle mosse e poi ti invitava, tu ti univi alla partita e prima di poter leggere quanto tempo avevi questo era già scaduto e tu perdevi.
C’erano poi altri che palesemente non giocavano se non con il Chess Master che gli suggeriva tutte le mosse : effetti ridicoli da “libro delle aperture” per cui, proprio come il programma di scacchi che usavano, facevano le prime cinque/sei mosse senza pensare, istantaneamente, poi, finita l’apertura, di colpo crollavano a un paio di minuti per mossa. Molto Kasparov contro Deep Blue, ma io non sono Kasparov e loro non hanno Deep Blue, quindi il tutto in verità faceva un po’ tristezza.

Se non ché questa mattina, come dicevo, in auto, mi sono immaginato una scena molto divertente, o forse inquietante…

Di certo sarà capitato infinite volte che non ci �fosse solo uno dei due a “truccare” la partita�, ma che i genii, come spesso accade, si siano trovati e abbiano entrambi lanciato il suddetto programma, preparandosi a ripeterne fedelmente ogni mossa su internet.

Quante di queste partite si saranno giocate? Due esseri umani che fanno quello che gli dicono i loro rispettivi computer, convinti di essere i più furbi! Braccia di menti procedurali che giocano fra loro, con l’ausilio di due imbecilli, infinite partite senza spirito. Nessuno tranne i due computer ha idea di quello che sta accadendo in gioco, gli esseri umani si limitano ad agire, non pensano, o meglio, pensano di “fregare” l’altro, ma sono ormai diventati pedine del gioco delle macchine.

E i computer se la ridono. In fin dei conti non gli capita spesso di potersi fare una sana partita tra amici, e in più ottengono anche di comandare a bacchetta i loro brufolosi despoti di tutti i giorni : “Ah, oggi basta farti giocare a Quake, marmocchio, oggi -io- mi faccio una partita a scacchi con 10.41.18.148, e tu pensa pure di essere furbo, tu, caro mio, assieme agli altri tuoi amici, giochi per noi.”

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s